408 updated post view 2817
Home Diario Doveva essere una giornata tranquilla

4 thoughts on “Doveva essere una giornata tranquilla

  1. Ciao
    sono passata di qui per un saluto e mi sono messa a leggere i tuoi post uno dopo l’altro. Questo mi ha colpita tanto per quello che e’ accaduto al tuo bimbo e per come immagino ti sia sentita tu. Da sempre amo i cani, il cane di famiglia e’ un grosso animale di 30kg so come gestirli eppure in Thailandia mi sono sembrati cosi’ mansueti, cosi’ “addormentati” e deboli.
    Non ho mai pensato di scansarmi, di girare lontano da loro.
    Non riesco a immaginare fino in fondo la tua paura e lo shock, temo che ti rimarra’ dentro per un po’. Spero che voi tutti possiate godere di un periodo tranquillo finalmente, mi sa che questo periodo e’ stato davvero intenso!Vi penso, da qui!
    Fra
    ps scusa il poema!!!:)

    • Ciao Francesca,
      piacere di conoscerti! Mi fa piacere che tu sia passata.
      Anche io ho sempre amato i cani e, nonostante informandomi prima della partenza avessi saputo che randagismo e rabbia sono uno dei problemi della Thailandia, i cani qui mi sono sembrati sempre tranquilli e, come dici tu, un po’ addormentati. Anche quello che ha aggredito mio figlio lo era. Ci ero passata davanti almeno 5/6 volte con mio figlio piccolo di un anno e mezzo per mano, dato che si era stancato di stare dentro al ristorante. Mi vengono i brividi tutte le volte che ci penso dato che la sua gola sarebbe stata proprio all’altezza del suo muso ed avrebbe potuto aggredire anche lui… Quando è successo, il cane stava dormendo accanto alla macchina e probabilmente si è spaventato perché mio figlio, che non l’aveva visto, si è avvicinato saltellando e gridando. Al di là del morso, che ha causato una brutta ferita, il problema era che la rabbia qui è molto diffusa.
      Sono state ore angoscianti e sì, purtroppo la paura è rimasta. Carlo Alberto ha fatto la pipì a letto di notte diverse volte nei giorni successivi e ora tutte le volte che incrocia un cane scappa letteralmente terrorizzato. E come sai qui in Thailandia, soprattutto nelle città, ci sono cani randagi ad ogni angolo. Mi fa male vederlo così impaurito. Confesso che anch’io non ci passo più davanti con la serenità di prima…

  2. Ciao,
    mi ritrovo a leggere nel tuo blog dopo aver cercato informazioni sul Loy Krathong (bellissimo ed esaustivo) ed ho divorato i tuoi post.
    I tuo dubbi, il tuo entusiasmo le tue disavventure sono un po’ anche mie anche perche’ li vivo in prima persona da 20 anni anche io a Pattaya.
    Un abbraccio
    Carmen

    • Ciao e benvenuta! Sono curiosissima di sapere cosa fai da 20 anni a Pattaya??? Moglie di qualcuno che lavora qui anche tu? Non so sinceramente se potrei vivere qui per 20 anni…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Theme developed by TouchSize - Premium WordPress Themes and Websites